Nervi tesi sulla differenziata

In mattinata vi è stato l’atteso incontro tra i rappresentanti della Loveral e l’amministrazione (link comunicato).

Il sindaco e l’assessore, hanno fatto presente alla ditta tutte le criticità riscontrate in questa prima metà di marzo, con l’avvio della raccolta porta a porta su tutto il territorio, arrivando anche a minacciare la risoluzione del contratto.

La ditta, supportata dalle maestranze, sostiene invece che le stime della perizia, in base alla quale è stata espletata la gara di appalto, sono inadeguate rispetto alla reale situazione che si registra nel centro cittadino.

In pratica ritiene siano necessari più uomini e/o mezzi, cosa che potrebbe significare maggiori costi.

Eventualità che l’amministrazione non vuole nemmeno considerare “la perizia – è stato ribadito – deve rappresentare il riferimento prioritario per il gestore del servizio”.

In questa situazione che da “porta a porta” sembra essere passata a “muro contro muro”, è arrivata in mattinata anche l’interrogazione del consigliere Antonio Foti sull’impianto di compostaggio (link articolo).

In pratica il consigliere Foti ha chiesto all’assessore Maisano come mai sono trascorsi ben tre anni senza far progredire l’iter per la realizzazione dell’impianto di compostaggio della frazione umida.

Impianto che, come è stato recentemente affermato sia dall’assessore che dal sindaco, è ritenuto fondamentale per ottimizzare la raccolta differenziata e riuscire ad abbattere i costi del servizio.

Chiede inoltre come mai si propone ora la realizzazione di un impianto anaerobico abbandonando quello a digestione aerobica.

Spiega il consigliere come l’impianto ora proposto dall’assessore Maisano, per una gestione ottimale, richiede una platea di cittadini più vasta, e quindi presuppone la partecipazione di altri comuni.

Di conseguenza la variazione del progetto e l’ampliamento della platea degli utenti potrebbe allungare ulteriormente i tempi di realizzazione.

L’interrogazione non è stata “presa bene” dal Sindaco Giovanni Formica, che, poco prima del consiglio comunale dedicato al problema dei rifiuti e delle bollette Tari, ha trovato il tempo di rispondere all’ex compagno di partito, con un comunicato pubblicato sul sito del Comune (link articolo).

Un comunicato in cui però, invece di rispondere alle legittime domande poste dal consigliere Foti, lo accusa di “condivisione di valori ed obiettivi col centrodestra”, spingendosi così in un campo in cui forse non sarebbe opportuno impartire lezioni, a ben vedere diversi dei consiglieri che lo appoggiano e alcuni degli assessori che compongono la sua giunta.

image_pdfimage_print

Commenti chiusi