I consiglieri eoliani contestano Formica e chiedono di potenziare i collegamenti con Messina

Porto di MilazzoIl consigliere comunale di Lipari, Nunziata D’Alia, ha presentato un’interrogazione al Sindaco di Lipari in cui si fa presente “l’impossibilità dei cittadini delle Isole Eolie di parcheggiare su strada nel Comune di Milazzo, in assenza di parcheggi a pagamento e/o di zone libere da vincoli”.

Nell’interrogazione lamenta i disaggi patiti da chi per ragioni di lavoro si trovano fuori sede e che, recandosi frequentemente nel nostro arcipelago anche per ragioni familiari, per trascorrervi il fine settimana e le festività, sono costretti a dover usufruire obbligatoriamente dei servizi taxi e dei garage della zona.

La causa: “Il Comune di Milazzo ha applicato in tutto il centro cittadino antistante l’area portuale di Milazzo, ossia in prossimità dei moli in cui attraccano le navi e gli aliscafi in servizio sulle tratte dell’arcipelago eoliano, zona a disco orario (due ore) con l’eccezione solo per i residenti nel Comune di Milazzo.”

L’effetto: “lasciare l’auto obbligatoriamente in garage, adattando necessariamente i propri orari e spostamenti agli orari di apertura e chiusura di suddetti servizi, ovvero sull’asse viario (ove in quel parcheggio vi sia posto) a una distanza dal porto tale da rendere tale soluzione impraticabile.”

Lamenta che anche “viaggiare con i mezzi pubblici non è sempre una soluzione, infatti nei giorni festivi (di domenica ad esempio ) vi è solo una corsa della compagnia GIUNTABUS verso la città capoluogo, la prima all’ora di pranzo e la seconda ed ultima corsa, che attraversa tutti i paesini della tirrenica, in orario pomeridiano; ovviamente non tutti i percorsi stradali ed autostradali sono inclusi nel servizio offerto in tali giorni dalle diverse compagnie private”.





Critica l’assenza di parcheggi, anche a pagamento nell’area del porto.

Si chiede che fine ha fatto la promessa disponibilità dichiarata dal Sindaco Formica, subito dopo la sua elezione a giugno 2015, ad una collaborazione con le amministrazioni dei Comuni dell’arcipelago eoliano.

Ricorda che Formica “propose alle compagnie di navigazione di prendere in considerare la possibilità di applicare la tariffa non residente ai cittadini milazzesi sui mezzi in transito verso le Eolie, ottenendo la disponibilità di una nota compagnia marittima e il totale gradimento dell’amministrazione liparese.”

A distanza di un anno e mezzo nulla di concreto, i milazzesi continuano a viaggiare verso le Eolie a tariffa piena mentre “i residenti dei comuni eoliani per transitare da Milazzo devono obbligatoriamente affrontare spese di Taxi, garage ecc. .”

Le conclusioni: “chiedo che il Comune di Lipari si attivi presso l’Assessorato Regionale ai Trasporti affinché vengano riconsiderati i percorsi marittimi da e per le Isole Eolie, preferendo quale scalo principale quello di Messina, potenziandone pertanto il numero di corse giornaliere”.





image_pdfimage_print

Commenti chiusi