Buon compleanno Niccolò!!!

cordovaSi è conclusa ieri 1 Ottobre 2017 nella splendida cornice del Teatro Trifiletti ,con il grido accorato e festoso da parte di tutti i partecipanti e il consueto lancio di palloncini colorati, la Quindicesima edizione della Rassegna Musicale “Angelo Biondo” dedicata al piccolo Niccolò Frediani scomparso prematuramente nel 2003.

La manifestazione, che ha riscosso anche quest’anno un grande successo di pubblico, nell’arco di 15 anni è stata un vero e proprio trampolino di lancio per molti talenti, alcuni dei quali hanno raggiunto traguardi di tutto livello nel mondo della musica internazionale tanto da partecipare oggi non come candidati ma come giurati (quest’anno facevano parte della commissione la giovane arpista Sabrina Palazzolo che è tornata in Sicilia da una recente tournèe in Cina e il flautista milazzese Marco Crisafulli che fa parte della “Youth Orchestra” del Teatro dell’opera di Roma).

Questa edizione ha visto ben 22 esibizioni e tra solisti e coro sono saliti sul palco oltre 60 bambini ed adolescenti. Tutti i concorrenti hanno suonato o cantato un brano scelto meticolosamente dalla giuria tra le varie composizioni eseguite durante le audizioni  tenutesi il 30 Settembre.

La presentazione della serata è stata condotta da Anna Paola Fantozzi, mamma di Niccolò e presidente dell’Associazione, che tra un’esecuzione e l’altra ha affidato il compito di premiare i vincitori a diverse autorità presenti a teatro: l’assessore Piera Trimboli in veste di rappresentante dell’amministrazione comunale che con commozione ha espresso tutta la sua ammirazione per i coniugi Frediani che hanno sublimato il loro dolore creando questa meravigliosa iniziativa (il sindaco era assente per concomitanza di eventi…), il presidente dell’associazione “Amici della musica” Lilliana Zanca, i componenti della giuria, gli stessi compagni di giochi del piccolo Niccolò e il Sig. Vincenzo che cura con tanta dedizione il “Muretto di Niccolò”, quel monumento dalla forma particolare che ammiriamo nella pineta della spiaggia di Ponente nei pressi di San Papino, provvisto di una fontanella da cui sgorga l’acqua simbolo di vita e amore.

A conclusione di serata Andrea Frediani ha ringraziato doverosamente tutti coloro che si prodigano per la riuscita dell’evento stesso: gli sponsor (in particolare la Raffineria di Milazzo),  gli insegnanti che preparano con cura i partecipanti alla rassegna, i componenti della giuria che svolgono un compito delicato e i giovani musicisti che costituiscono la vera “Anima” della Rassegna. Una nota di rammarico da parte dei coniugi Frediani è stata la novità di dover partecipare per la “Prima volta” ai costi di uso della struttura in quanto il comune che risulta essere in dissesto finanziario non può più permettersi di collaborare con le associazioni tramite l’uso gratuito delle strutture.

Di seguito l’elenco di tutti i partecipanti con i relativi premi assegnati.

Categoria Prime note:   

Calderaro Stella Maria     VIOLINO        Attestato Borsa di studio di 50 € e un buono libri 10 €

Categoria A:

Arena Antonino Karol   PIANOFORTE    Attestato ed un buono libri di 20 €

Lisanti Viola                   CANTO                Attestato, Borsa di Studio da 50€, un buono libri da 10 €

Munafò Anita                PIANOFORTE     Attestato , Borsa di studio da 100€

Pracanica Chiara           PIANOFORTE     Attestato , un buono libri da 20 €

Rizzo Giuseppe            CLARINETTO       Attestato, Borsa di Studio di 50 € , un buono libri da 20 €

Sindoni Luca              FISARMONICA      Attestato , Borsa di studio di 50 € un buono libri di 20 €

Venuto Asia               SAX SOPRANO      Attestato, Borsa di studio di 100 €, un buono acquisto di 10 €

Categoria B:          

Arizzi Serena          PIANOFORTE            Attestato, un buono libri di 20€

Baxa Angela           PIANOFORTE            Attestato , borsa di studio di 200 €

Chillemi Salvatore    PIANOFORTE       Attestato, Borsa di Studio di 150 €

Crimi Angelica        PIANOFORTE           Attestato, Borsa di studio di 100 €, un buono libri 10 €

D’Amico Emanuele  CLARINETTO         Attestato, un buono libri da 20 €

Gentile Marta    FLAUTO TRAVERSO     Attestato, Borsa di studio 200€

Giordano Giada Maria       CANTO         Attestato, un buono libri 20 €

Impalà Angelo            PIANOFORTE        Attestato , borsa di studio di 150 €

Magazzù Paolo             CHITARRA         Attestato ,Borsa di studio di 300 € ,un buono libro di 20€

Perdichizzi Maria Chiara   VIOLINO      Attestato, Borsa di studio 150 € , un buono libri 20 €

Ragno Giulia            PIANOFORTE          Attestato , un buono libri 20 €

Rizzo Gaetano       SAX CONTRALTO     Attestato,Borsa di studio 200€ ,un buono libri di 10 €

Piccole Formazioni:        

Amante Ivan, Cangemi Emanuele, Giacobbe Emanuele   PIANOFORTE  A SEI  MANI

Attestato, Borsa di studio di 150 €

I piccoli Cantori di Barcellona P.G.   CORO

Attestato per il coro e per tutti i coristi e borsa di studio di 300 €

Un grazie agli insegnanti tutti :

Giuseppe Italiano,Nicolò Di Marco,Lina Calafato, Muzychuk Taisiya, Antero Arena, Vittoria Basile,Daria Grillo,Lisanti Giuseppe Fabio,Francesco Magazzù, Nicola Oteri, Gianfranco Brundo, Maria Catena Giunta e Salvina Miano.

Un grazie alla Giuria: Anna Paola Fantozzi(presidente), Luigi Cordova, Francesca Cangini, Marco Crisafulli e Sabrina Palazzolo.

Untitled-1




Serata finale in pompa magna per il V Festival Incanto Mediterraneo

cordovaSi è concluso con grida di entusiasmo, clamore e sonori applausi, il V Festival Corale Internazionale “InCanto Mediterraneo”  la notte tra il 15 e il 16 Luglio nel Bastione di Santa Maria, all’interno della cittadella fortificata di Milazzo.

A vincere il trofeo e il premio in danaro di 1500 euro con punti 96,57  è stato il Chór Dziewczęcy Skowronki (the skowronki Girls’ Choir) proveniente da Poznan una città sul fiume Warta che si trova nella parte occidentale della Polonia.

Il coro formato da sole donne è diretto e trae ispirazione da Alicja Szeluga, educatrice e grande autorità di musica corale a cui è stato assegnato dalla giuria il premio speciale come miglior direttore  di coro del Festival.

Al secondo posto con punti 93,29, medaglia d’oro, premio speciale per la migliore esecuzione di un brano di un autore siciliano (“Gaudete,Christus Natus Est” di C.D.Lisanti) e premio speciale per la migliore performance con coreografia allo Youth Mixed Choir Vox populi di Viimsi (Estonia), formato da giovani vivaci  e talentuosi il cui repertorio spazia dal sacro al folk, dal pop al jazz.

Terzo classificato il Vocal Group gallina di Lubiana (Slovenia) con punti 92,86 e medaglia d’oro, quarto classificato con punti 88,71 e medaglia d’argento il Chamber Choir Vox Animae  della Lettonia, segue con punti 83,43 e medaglia d’argento il Polifonica Chamber Choir dalla Bielorussia, poi il coro salernitano “Daltrocanto” e il vocal Formation Shtastlivetsa di Sofia (Bulgaria).

La serata si è svolta a pieno ritmo con le esecuzioni dei vari Ensemble, terminate le quali la giuria si è riunita per decretare i punteggi finali e i premi da assegnare ai numerosi partecipanti.

Durante questo momento di pausa del festival abbiamo assistito ad un bel concerto per pianoforte e flauto traverso che ha visto impegnati i Maestri Annalisa Monticelli (pianista) e Veronica La Malfa (flautista). Dopo il soave assolo al flauto con il pezzo “Syrinx” di Debussy, e il brano in duo “le Flute de Pan” , le due protagoniste hanno allietato il pubblico facendo ascoltare una composizione del musicista argentino Angel Casala (Leyenda del Pastor Coya), oggetto di studio e di meticolosa ricerca della pianista Annalisa Monticelli dotata di grande musicalità. A seguire brani di Astor Piazzolla, la Muerte del Angel e dulcis in fundo la gradevole “Melodia Siciliana” del compositore milazzese Sergio Bertolami, ideatore della manifestazione “Musicaviva Estate 2017”.

Grandi applausi e consenso unanime di pubblico hanno trattenuto le due artiste, Guest della serata, che hanno eseguito altri brani ad libitum finché non era pronto il verdetto dei giurati.

Ricordiamo che il festival organizzato dall’associazione corale Cantica Nova, diretta dal maestro Francesco Saverio Messina, in collaborazione con il comune di Milazzo, si è svolto dal 9 al 15 Luglio e ha avuto l’onore di avere in Giuria prestigiosi maestri di chiara fama internazionale : Vytautas Miskinis, direttore di coro e compositore lituano, Werner Pfaff direttore di coro tedesco, John Ratledge direttore di coro e compositore americano e gli italiani Gianna Fratta pianista e direttore d’orchestra, Carmelo Chillemi compositore e docente di composizione, Antonino Averna attuale direttore del Conservatorio di musica “Corelli” di Messina, Mario Sarica etnomusicologo e critico musicale.  (Per altri premi e riconoscimenti consultare il sito ufficiale del festival)

Prima della conclusione della serata è stato fatto un particolare ringraziamento ai numerosi sponsor, ai presentatori, all’artista milazzese Francesco Lo Presti che ha realizzato materialmente il trofeo e a tutti quanti hanno contribuito alla riuscita della quinta edizione della manifestazione. Prossimo appuntamento a Luglio del 2019.

vincitori




La “LUTE” al teatro antico di Taormina

cordovaLo scorso venerdì 7 Luglio un gruppo di cento corsisti della L.U.T.E. (Libera Università per la Terza Età & AUSER) di Milazzo e succursali di Pace del Mela – Santa Lucia del Mela – Spadafora – si è recato al Teatro Antico di Taormina per assistere con grande entusiasmo alla prova generale della Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven, una delle composizioni più grandi della storia della musica occidentale, diretta dal celeberrimo maestro Zubin Mehta. Un grande evento reso possibile dalla collaborazione tra il Teatro Massimo e Taormina Arte che ha aperto la rassegna Anfiteatro Sicilia, promossa dall’assessorato al Turismo della Regione Sicilia. Lo spettacolo è iniziato con un’esecuzione a preambolo da parte di 4 cantanti dell’Inno alla Gioia, grande messaggio di pace e fratellanza che troviamo nella parte corale del quarto ed ultimo movimento della sinfonia. “An die Freude” è il titolo originale tedesco, un’ode composta dal poeta e drammaturgo Friedrich Schiller che descrive un ideale tipicamente romantico di una società di uomini legati fra di loro da vincoli di gioia e amicizia universale. Concluso questo particolare momento è iniziata l’esecuzione per intero di tutta la sinfonia che ha visto impegnato appunto uno dei più famosi direttori d’orchestra di tutto il mondo.

Il maestro indiano Zubin Mehta alla fine dello spettacolo si è piacevolmente e calorosamente intrattenuto con i nostri corsisti, chiedendo da dove venissero, rilasciando autografi e rispondendo esaustivamente a tutte le loro domande. Fra l’altro ha spiegato sia agli ascoltatori, sia ai giornalisti che lo intervistavano, che l’esecuzione in un teatro all’aperto di una composizione con un organico di così grande portata comporta notevoli modifiche nella qualità del suono e del riverbero da apportare necessariamente per poter trasmettere al pubblico le stesse emozioni che si proverebbero in un teatro chiuso dove tutto è estremamente più facile. Inoltre con grande magnanimità ha affermato palesemente ai nostri partecipanti milazzesi di aver trovato di ottimo livello l’orchestra del teatro Massimo di Palermo, confermando tutto ciò anche nelle successive interviste televisive. Una serata davvero piacevole che è sicuramente rimasta nel cuore degli alunni della LUTE i quali non si limitano a frequentare i numerosi corsi che l’offerta formativa propone ( più di 150 ) ma partecipano attivamente a tutti gli eventi culturali e ricreativi che vengono organizzati in qualsiasi periodo dell’anno accademico, estate inclusa.

LaUna lettera di doverosi ringraziamenti è stata tempestivamente inviata da Totò Canzio ,vicepresidente della Lute di Milazzo, allo staff organizzativo del Teatro Massimo di Palermo,alla Dott.ssa Falconi,alla Dott.ssa Cassarà con un apprezzamento particolare rivolto alla Dott.ssa Castiglione che è riuscita a sbrogliare una matassa burocratica particolarmente ingarbugliata.




Note, luci e colori al “Mastio”

cordova

Domenica 9 Luglio alle ore 21,30 si è svolta nel suggestivo scenario del Mastio del castello di Milazzo la cerimonia inaugurale del V Festival Internazionale InCanto Mediterraneo, un evento di portata mondiale che vedrà nei prossimi giorni impegnati diversi Ensemble Vocali provenienti da ogni dove che si esibiranno davanti ad una giuria d’eccezione.

Si prevedono quest’anno circa 800 partecipazioni, duecento in più rispetto alla scorsa edizione del 2015.

Durante la  serata come da programma ,dopo la doverosa presentazione dell’evento in duplice lingua (italiana e inglese),abbiamo assistito all’esibizione di diversi Cori polifonici e ospiti d’onore in forma di “Rassegna non competitiva”.

A dare il via è stato proprio l’Ensemble Cantica Nova di Milazzo diretto dal  Maestro Francesco Saverio Messina, il quale nei giorni scorsi ha partecipato attivamente (in qualità di direttore artistico dell’associazione organizzatrice dell’evento) alla conferenza stampa che si è tenuta nella Sala Giunta del Comune di Milazzo,durante la quale è stato presentato il cartellone dell’estate milazzese alla presenza del Sindaco Giovanni Formica e degli assessori Piera Trimboli e Salvo Presti.

Si sono esibiti poi davanti ad un pubblico appassionato tutti gli altri cori previsti in scaletta: il Coro N.S. del Santo Rosario di Milazzo,il Coro Polifonico Luca Marenzio di Messina,il Ghoete Chor di Palermo e il gruppo vocale Louders di Messina.

Un mastio davvero gremito con posti a sedere tutti occupati e parecchie persone che applaudivano e seguivano all’impiedi con interesse, in un’atmosfera piena di luci e colori che abbelliva ancor di più questo splendido nucleo vitale della Cittadella che si erge alla sommità di una rupe su cui giace la “Città murata”.

Come “Guest” della prima di cinque serate abbiamo avuto l’onore di ascoltare la piacevole e cristallina voce della famosa cantante irlandese Bronagh Slevin accompagnata alla chitarra da Pietro Mendolia, insieme al violinista Marcello Ulfo e Francesco Gitto alle percussioni.

Prossimo appuntamento Martedì 11 Luglio, sempre al Mastio alle ore 21,30, dove ascolteremo per la sezione “Rassegna” cori provenienti dalla Turchia, Polonia, Bielorussia, Lettonia e Italia, e vedremo impegnati come ospiti d’onore i maestri Sergio Bertolami (pianista e compositore), Cesare Frisina, Ivan Crisafulli e Mary Manitta ai violini,Rosanna Pianotti alla viola, Anna Barca al violoncello e Daniele Arena al contrabbasso.

19800805_10209415359717916_8683058212334431401_o




Una dama “milazzese” tra i Caballeros!

cordova

Dopo l’applaudito “Concerto per la Festa della Repubblica” con la Magna Grecia Flute Choir, splendidamente organizzato dalla Banda Musicale “Pietro Mascagni” e svoltosi giorno 2 giugno nell’incantevole cornice di Palazzo D’Amico, la flautista milazzese Daria Grillo sarà protagonista di altri importanti appuntamenti.

Tra i vari impegni, giorno 7 e 8 agosto sarà in Trio con Stefano Parrino e Luigi Cordova in Valdidentro nel cartellone del prestigioso Festival Le Altre Note, a settembre, per il secondo anno consecutivo, sarà docente della classe di flauto a Borgo in Musica a San Marco D’Alunzio. Subito dopo un appuntamento di grande prestigio: suonerà in occasione del X Anniversario della costituzione dei Caballeros del Traverso a Calereuga (Spagna).

I Caballeros nascono nel 2008 dal sodalizio di un gruppo di noti flautisti spagnoli tra loro legati da una forte amicizia e tutti concordi nel creare una congregazione che si riunisse in un luogo diverso dalle solite sale da concerto. Fortemente convinti del fatto che troppe sono ormai le conventions sul flauto, sia a livello nazionale che internazionale, i corsi, le masterclasses e una serie infinta di eventi simili, i Caballeros si danno come imperativo quello di uscire dalla norma, sempre rispettando il prossimo ed all’interno di alcuni canoni professionali, mai sminuendo il valore della musica. Partendo da questo presupposto, in breve tempo, trovano nella provincia di Burgos un Castello dove potesse essere celebrata, così come nel medioevo, l’investitura dei nuovi componenti la congregazione.

Tra di loro ci sono solisti internazionali: Gran Maestro è Claudi Arimany, Juan Jesus Silguero è il Caballero Escribano,. Antonio Arias è Caballero Bodeguero (cantiniere), Pepe Sotorres è il Caballero Arquero (aciere), Vicens Prats il Maestro di cerimonie, Horacio Parravicini il cavaliere mistico, Salvador Espasa è il Caballero Artillero (artigliere) porta con se una vasta gamma di flauti, dall’ottavino al flauto basso, Jaime Salas è chiamato Alquimista (alchimista)

Ai nove Cavalieri iniziali, nel tempo si sono uniti altri quattro cavalieri: due professori al Conservatorio di Siviglia, Francisco Javier Lopez Caballero Editor (editore), e Luis Orden, Caballero de las Tinieblas (dell’oscurità) ed ancora altri due docenti presso il Conservatorio di Aragona, Fernando Gómez, Caballero del Augusto Bigote (dal baffo augusto) e Antonio Nuez, El Nómada (nomade), sicuramente il cavaliere più attivo per la pedagogía. Ci sono ancora Alan Weiss Cavaliere onorario e Toru Nomura, tecnico Yamaha è il cavaliere Samurai.

Lo scorso anno è stato nominato Cavaliere del Traverso il grande flautista venezuelano Omar Acosta, compositore, arrangiatore, flautista presso il Balletto Nazionale di Spagna e artista GUO, Caballero Trovamundos (trovamondi) e nel settembre di quest’anno saranno nominati cavalieri Oscar De Manuel Caballero Al-Andalus (all’andalusa) e l’italiano Stefano Parrino, Caballero Longobardo, che si uniranno all’ Ordine in una cerimonia che promette di essere spettacolare,

Si tratta di prime parti orchestrali quali quelle di Parigi, dell’Orchestra Nazionale di Spagna, Sinfónica e Banda di Bilbao, docenti dei Conservatori di Aragón, Santander, Sevilla, Orchestra di Flautas de Madrid, Ballet Nacional de España.

Per la prima volta, in questa atmosfera medievale, tra tanti cavalieri, saranno ammesse tre dame: la talentuosa Marta Femenia, classe 1991 e tra le più affermate flautiste spagnole,  l’olandese Wendela van Swol ormai trapiantata in Spagna e che vanta un curriculum formidabile ed infine, unica donna italiana, la milazzese Daria Grillo.

La flautista mamertina si esibirà domenica 17 settembre nella Chiesa del Real Monastero suonando con Horacio Parravicini, flauto solista dell’Orchestra Sinfonica di Bilbao. Nella stessa location si esibiranno tutti gli altri Caballeros in un concerto che seguirà l’investitura di giorno 16 alle 23, nel magnifico castello di Calereuga.

Atmosfera magica, intrisa di storia e leggenda dove Milazzo avrà il suo ruolo di rispetto.

 

dariastemma




Quinta edizione del Festival Corale Internazionale InCanto mediterraneo al Castello di Milazzo

cordovaDopo l’esilarante successo delle quattro precedenti edizioni, si svolgerà a Milazzo dal 9 al 15 Luglio la quinta edizione del Festival Corale Internazionale “InCanto Mediterraneo” che ha già visto coinvolti in passato più di 700 partecipanti provenienti da tutto il mondo. Se nel 2015 al Teatro Trifiletti si sono esibiti cori internazionali provenienti dalla Cina,Taiwan, Estonia, Slovenia, Russia, Spagna e Italia , quest’anno si prevede una partecipazione più massiccia, essendosi già iscritti Ensemble Vocali provenienti dalla Bulgaria, Turchia, Polonia e Bielorussia. Sarà la suggestiva cornice della Cittadella fortificata – riduttivamente chiamata dai nostri concittadini “Castello di Milazzo” – ad accogliere gli innumerevoli Cori che si esibiranno davanti ad una Giuria d’eccezione composta dai maestri: Vytautas Miskinis, direttore di coro e compositore lituano, Werner Pfaff direttore di coro tedesco, John Ratledge direttore di coro e compositore americano e gli italiani Gianna Fratta direttore d’orchestra, Carmelo Chillemi compositore e docente di composizione, Antonino Averna attuale direttore del Conservatorio di musica “Corelli” di Messina, Mario Sarica etnomusicologo e critico musicale. La manifestazione si svolge nella nostra città ogni due anni ed è organizzata dall’Associazione Corale Cantica Nova, diretta dal Maestro Francesco Saverio Messina, con il nuovo Presidente Francesca Mustica, di concerto con il Comune di Milazzo. Come da regolamento è prevista una Rassegna a carattere non competitivo che vedrà impegnati i Coristi nell’esecuzione di musica profana rinascimentale, barocca e contemporanea la prima sera, musica Folk e Pop il giorno successivo. Proseguirà poi la “Competition” vera e propria riservata a Cori ed Ensemble Vocali misti, con l’aggiunta di una nuova sezione dedicata alla musica sacra in cui i partecipanti si esibiranno esclusivamente “a Cappella”. Vi terremo aggiornati nei prossimi giorni e vi invitiamo a consultare per ulteriori informazioni il sito ufficiale del Festival “www.festivalincantomediterraneo.it”

15039540_1145805648842715_6171597551863791308_o




I concerti del Mercoledì al Trifiletti

cordova

Proseguono con grande successo gli spettacoli musicali di “Milazzo Classica 2017” che si tengono sempre di Mercoledì al Teatro Trifiletti.

Dopo la splendida inaugurazione fatta dai Maestri organizzatori Roberto Metro ed Elvira Foti, ad attirare l’attenzione del pubblico è stata la serata dedicata al Flamenco – lo scorso 15 Febbraio – in cui abbiamo visto impegnati quattro artisti internazionali: Andrea Candeli grande concertista e docente di chitarra, il noto percussionista Paolo Mappa proveniente dall’Andalusia, i ballerini Chiara Guerra e Corrado Ponchiroli che lavorano presso prestigiosi teatri di tutto il mondo.

Lo spettacolo dal titolo “Noche Flamenca” che prevedeva l’esecuzione di brani di noti autori spagnoli accompagnati dalla danza, si è rilevato particolarmente brillante.

Mercoledì 1 Marzo abbiamo invece assistito ad un concerto in cui si sono esibiti al violino il Maestro Katia Ghigi, proveniente dalla prestigiosa “Scuola di Musica di Fiesole” e al pianoforte il Maestro Michele Rossetti dal tocco eccelso, i quali hanno eseguito musiche di Mozart, Beethoven,Brahms, Rachmaninov e Bartòk.

A toccare il cuore del pubblico è stata in particolar modo l’esecuzione dell’op. 24 n. 5 detta “Primavera”, sonata che fu scritta da Beethoven nel 1800 nell’intento di trasmettere freschezza, serenità e senso gioioso della vita, nonostante le sofferenze dovute alla completa sordità.

Gli artisti quella sera si sono trovati nella condizione di dover sfidare la rigida temperatura e l’altissima percentuale di umidità presenti nel palcoscenico del “Nostro Teatro” totalmente privo di riscaldamento, elementi sfavorevoli non solo per gli esecutori che hanno comunque superato argutamente le aspettative del pubblico ma anche per i delicati strumenti musicali che ne risentono sensibilmente proprio come gli esseri umani.

Il 15 Marzo il pubblico è andato in visibilio con il “Gran Galà Lirico” in cui abbiamo ascoltato le più celebri Arie delle opere più conosciute, dalla Traviata alla Bohème, dalla Tosca alla Vedova Allegra per poi concludere con la Canzone Napoletana.

Hanno intrattenuto il caloroso pubblico milazzese: Silvia di Falco che ha conseguito gli studi di canto in Sicilia presso l’istituto musicale Bellini di Catania, per poi proseguire il perfezionamento in molte città italiane e all’estero; Davide Benigno che si è diplomato in canto al conservatorio Corelli di Messina e svolge intensa attività concertistica in varie città e si esibisce stabilmente nell’ambito della stagione concertistica “Italian Opera Taormina”; Diana Nocchiero pianista di grande successo in Italia e all’estero, proveniente dal conservatorio di Novara, i cui concerti vengono trasmessi nelle radiotelevisioni di tutto il mondo.




Mercoledì 22 Marzo si è tenuto uno spettacolo dedicato alla canzone italiana d’autore che ha coinvolto parecchio il pubblico. Negli anni del dopoguerra, durante il periodo della ricostruzione, un’atmosfera di entusiasmo coinvolse il mondo dell’arte e della cultura, ma in Italia il risveglio fu lento e difficile tanto che inizialmente si operava in circoli di élite.

Gli artisti Sasà Calabrese (canto e chitarra), Tarcisio Molinaro (percussionista) e Fabio Guagliardi (pianista) hanno proposto agli ascoltatori in sala canzoni di De Gregori, Modugno, Mogol, De André,  Conte, Bennato, Battisti, Dalla, Carosone, facendo commuovere non solo i meno giovani ma anche i ragazzi presenti a teatro.

Mercoledì 29 Marzo un programma dal titolo “Flautando… Sonate e Fantasie per flauto e flauto piccolo” che ha visto impegnati Christian Pio Nese all’ottavino, un bimbo di appena 9 anni vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, il suo papà Giuseppe Nese al flauto traverso e Gabriella Orlando, pianista e docente presso il Conservatorio di musica “Giordano” di Foggia. I protagonisti si sono alternati ora in duo ora in trio eseguendo musiche di Benedetto Marcello, Donizetti, Borne, Génin, Stamm, per poi concludere con un concerto per due ottavini di Antonio Vivaldi.

Gli spettacoli sono stati quasi tutti preceduti da un “Avant Concert” in cui dei Talenti Milazzesi in tenera età si sono esibiti poco prima dell’inizio del concerto vero e proprio, suscitando la curiosità e l’emozione del pubblico presente a teatro.

Questi piccoli-grandi artisti: Esmeralda Maisano (ballerina classica), Michele Doria (sassofonista) accompagnato al pianoforte dal papà Bartolo Doria, Domenico Russo (batterista) e la cantante Silvia Raffa dalla voce dolce come quella di un “Usignolo”, accompagnata al pianoforte dal papà Massimo Raffa, li rivedremo esibirsi tutti insieme in occasione della chiusura della stagione Milazzo Classica 2017 prevista per il 10 di Maggio.

Prossimo appuntamento: Mercoledì 5 Aprile con il Trio “Pianiste all’Opera” (pianoforte a sei mani)… “Le figure femminili dell’Opera Lirica da Violetta… a Carmen”







Grande successo per “L’orchestra… a quattro mani” al Trifiletti

metcordovaDue artisti di chiara fama internazionale, di grande preparazione musicale e indiscussa serietà professionale, un palcoscenico addobbato con bei tulipani rossi e candele accese in atmosfera idillica, un pianoforte da concerto a coda intera dall’ampia gamma dinamico-espressiva e potenza sonora, e un consistente numero di spettatori che gremisce un teatro, dalla prima poltrona in platea fino agli ultimi palchetti del terzo ordine, sono tutti elementi propizi per un concerto d’eccezione. “Apertis Verbis” (come diceva Cicerone) è andata proprio così lo scorso mercoledì 25 Gennaio al Teatro Trifiletti di Milazzo, dove si è svolto il concerto inaugurale della stagione “Milazzo Classica 2017”, che ha visti impegnati in un “Recital” per pianoforte a 4 mani i musicisti/coniugi : Elvira Foti e Roberto Metro.

Prima di allietare il pubblico con la loro magistrale esecuzione,i due artisti hanno ribadito come la loro ferrea volontà di continuare ad offrire alla cittadinanza nuove occasioni di valore sociale e culturale sia stata affiancata dalla massiva collaborazione di varie istituzioni (come la LUTE), dirigenti scolastici e docenti, amici e sponsor. “Quando si uniscono le forze per una causa comune, ossia la passione per la musica e la voglia di divulgarla per coinvolgere sopratutto le nuove generazioni, qualsiasi sogno è realizzabile!” ha affermato la pianista Elvira Foti, ringraziando ad uno ad uno tutti coloro che si sono premurati ad aiutarli a realizzare il loro obiettivo. Il Maestro Roberto Metro ha fornito in modo elegante una descrizione del programma musicale della serata, vissuta dagli artisti stessi come un viaggio ideale che vede come punto di partenza la città di Vienna, capitale mondiale della musica, toccando poi importanti centri europei come Parigi e le nostre città italiane, andando dopo oltre Oceano fino a raggiungere il Brasile , per poi ritornare a Budapest navigando sulle rive del “Bel Danubio blu”. “Nel corso dell’800 parallelamente alla diffusione del concerto pubblico”, ha spiegato il pianista, “si contrappose il concerto privato che si teneva nei salotti aristocratici; e poiché un salone domestico non sempre poteva ospitare un’orchestra sinfonica completa con più di 50 elementi, si divulgò da parte dei compositori l’abitudine di trascrivere e ridurre per piccole formazioni i propri brani e le composizioni dei più rinomati musicisti ed operisti del secolo…..”

“Per quanto riguarda i brani in programma di questa sera, ad eccezion fatta di un paio di brani originali, tutte le musiche per pianoforte a 4 mani sono opera di lungo lavoro di trascrizione da parte mia”, ha così concluso il Maestro prima di sedersi al pianoforte.

Il brano di inizio Tritsch-Tratsch Polka, ossia la polka del chiacchiericcio, costituisce una piccante e divertente composizione di Johann Strauss jr. composta intorno al 1858 ed eseguita con grande abilità tecnica e musicale da parte dei due protagonisti, insieme al celebre Valzer “voci di Primavera” risalente invece al 1883. A seguire la danza ungherese n.5 di Brahms , il Can Can di Offenbach tratto dall’Operetta “Orfeo all’inferno”, una bella Fantasia sulla “Carmen” di Bizet , il brasiliano “Tico Tico ” di Z.De.Abreu e un omaggio a Rossini con l’ouverture della Gazza Ladra e la “Tarantella Napoletana”. Il Maestro prima di continuare l’esecuzione degli altri pezzi insieme alla moglie, ha raccontato al pubblico una curiosità riguardante il compositore Franz Liszt. Il Virtuoso musicista ottocentesco a distanza di una ventina d’anni dalla pubblicazione delle sue prime 15 Rapsodie ungheresi, ne riprese sei e le trascrisse per pianoforte a quattro mani. Pubblicate nel 1875, nessun editore le ha più ristampate ed oggi sono una rarità bibliografica. Dopo vari tentativi in Italia e all’estero, il pianista Roberto Metro le ha rinvenute in una biblioteca ungherese e incise con la moglie in un CD unico al mondo.

I due brillanti pianisti hanno continuato la loro esecuzione con la Czardas di Monti, brano concertistico rapsodico scritto nel 1904 originariamente per mandolino e pianoforte, la Rapsodia Ungherese n.6 di F.Liszt, il Valzer “Sul bel Danubio blu” di J.Strauss figlio e la celeberrima “Marcia di Radetzky” di J.Strauss padre, composta in onore del maresciallo Josef Radetzky per celebrare la riconquista austriaca di Milano dopo i moti rivoluzionari in Italia del 1848.

Consensi unanimi di pubblico e lunghi applausi hanno emozionato i due protagonisti (uniti nella vita, nella passione per la musica e nel lavoro) che hanno eseguito come “Bis” la celeberrima Rapsodia ungherese n. 2 di Liszt.

Prossimo appuntamento mercoledì 15 Febbraio alle ore 20,30 con uno spettacolo dal titolo “Noche Flamenca




Milazzo Classica 2017

cordovaSi riconferma anche quest’anno la presenza di artisti e direttori di fama internazionale negli spettacoli della consueta stagione concertistica “Milazzo Classica” proposta dai rinomati musicisti Roberto Metro ed Elvira Foti.

Nonostante il mondo della musica stia attraversando un momento triste  per via dei “Tagli” sempre più consistenti che hanno messo in ginocchio numerose istituzioni musicali e persino importanti Teatri di tradizione in tutta Italia, la ferrea volontà da parte degli organizzatori di voler continuare ad offrire alla cittadinanza nuove occasioni di valore sociale e culturale, unita al successo riscosso nelle precedenti edizioni e alle numerose richieste da parte dei dirigenti scolastici, hanno portato alla formulazione di un cartellone comprendente dieci appuntamenti.

Gli spettacoli  si terranno sempre di mercoledì, da Gennaio a Maggio, al Teatro Trifiletti con inizio alle ore 20.30  e grazie  alle repliche mattutine dedicate agli studenti delle scuole medie e superiori, conferiscono all’iniziativa stessa una  grande valenza didattica.

La stagione “Milazzo Classica 2017” si apre mercoledì 25 Gennaio con il concerto per pianoforte a 4 mani offerto gratuitamente dagli stessi Maestri organizzatori per dare un contributo economico alla manifestazione.

Il duo pianistico ci proporrà un programma d’eccezione dal titolo “L’orchestra… a quattro mani!” che comprende brani famosi e brillanti come i valzer di Strauss Jr., le danze ungheresi di Brahms e Liszt ,la Czardas di Monti , il “Can Can” di Offenbach, le sinfonie e arie d’opera di Rossini e Bizet, per poi concludersi con la celeberrima Marcia di  Radetzky .

Il Pianista Roberto Metro vanta una brillante carriera che lo ha portato a tenere oltre 700 concerti nelle più importanti città del mondo (New York, Washington, Londra, Parigi, Vienna, Sydney, Tokyo, Montreal, Città del Messico, Rio de Janeiro, Buenos Aires, Montevideo, Seoul, Singapore, Bangkok, Istanbul, Atene, Bruxelles, Roma, Milano, Madrid, Barcellona, Amsterdam, Varsavia, Praga, Budapest, Stoccolma, Helsinki, San Pietroburgo, Bucarest, Monaco di Baviera, Lubiana, Bratislava, Zurigo, ecc.), collaborando con rinomate orchestre (fra le quali l’Orchestra d’Archi del Teatro alla Scala di Milano, la Wiener Mozart Orchester, l’Orchestra Sinfonica della Radiotelevisione slovena, la Thailand Philharmonic Orchestra, la London Musical Arts String Orchestra, la Camerata Transsylvanica di Budapest, la Slovak Sinfonietta, la Orquesta Sinfónica de San Luis Potosí – Mexico…) Ha inciso diversi CD ed ha registrato per numerose emittenti radiofoniche e televisive di vari Paesi: RAI-TV (Italia), ORF (Austria), Magyar Rádió (Ungheria), Telewizja Polska (Polonia), RTV Slovenija (Slovenia), Český rozhlas (Repubblica Ceca), RTL (Lussemburgo), RSI (Svizzera), Radio Vaticana (Città del Vaticano), Canal 13 (Messico), TV Cidade – Canal 20 (Brasile), SBS (Australia).

La pianista Elvira Foti ha tenuto oltre 400 concerti in tutta Italia ed all’estero, suonando negli Stati Uniti (dove, fra l’altro, si è esibita più volte alla Carnegie Hall di New York), in Australia, Canada, Giappone, Corea del Sud, Thailandia, Malesia, Singapore, Brasile, Argentina, Messico, Germania, Austria, Inghilterra, Francia, Spagna, Portogallo, Svezia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Polonia, Turchia, Romania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Cipro…Le sue esibizioni, da solista, in duo pianistico e con l’orchestra, hanno sempre riscosso lusinghieri consensi di pubblico e di critica. Ha inciso per le case discografiche MMS Digital di Monaco di Baviera, REC Digital e Vermeer Digital.

Segue il calendario dei 10 Concerti proposti da “Milazzo Classica 2017”:

25 gennaio: ELVIRA FOTI – ROBERTO METRO (pianoforte a quattro mani) L’orchestra… a quattro mani!”

15 febbraio: COMPAGNIA DI FLAMENCO “MEDITERRANEA”

ANDREA CANDELI (chitarra) – CHIARA GUERRA (ballo, palmas)

CORRADO PONCHIROLI (voce, ballo, palmas) – PAOLO MAPPA (cajón)

“Noche Flamenca”

1 marzo: KATIA GHIGI (violino) – MICHELE ROSSETTI (pianoforte)

“I grandi Classici… e non solo”

15 marzo: SILVIA DI FALCO (soprano) – DAVIDE BENIGNO (tenore)

DIANA NOCCHIERO (pianoforte)

“Gran Galà Lirico” – L’Opera, l’Operetta e la Canzone Napoletana

22 marzo: SASÀ CALABRESE (chitarra, basso e voce)

TARCISIO MOLINARO (batteria e percussioni)

FABIO GUAGLIARDI (pianoforte)

“La Canzone italiana d’Autore”

29 marzo: GIUSEPPE NESE (flauto) – CHRISTIAN PIO NESE * (ottavino)

GABRIELLA ORLANDO (pianoforte)

* Enfant prodige di soli 9 anni !

“Flautando…” – Sonate e Fantasie per flauto e flauto piccolo

5 aprile: TRIO FEMMINILE “PIANISTE ALL’OPERA”

MICHELA DE AMICIS – ROSELLA MASCIARELLI – ANGELA PETACCIA

(pianoforte a 6 mani)

“Le figure femminili dell’Opera Lirica: da Violetta… a Carmen”

19 aprile: TRIO OPERA VIWA

SILVIA MARTINELLI (soprano) – FABIO TARUSCHIO (flauto)

ANDREA TROVATO (pianoforte)

“Jazz & American Songs”

3 maggio: MAURIZIO DI FULVIO JAZZ QUARTET

ALESSIA MARTEGIANI (vocalist) – MAURIZIO DI FULVIO (chitarra)

IVANO SABATINI (contrabbasso) – GIACOMO PARONE (percussioni e batteria)

“Da Posillipo a Copacabana”

10 maggio: QUINTETTO STRUMENTALE “DIVERTANGO”

ALESSANDRO STRANO (fisarmonica) – LUIGI ZIMMITTI (clarinetto)

CORRADO GENOVESE (violino) – ALBERTO AMATO (contrabbasso)

CRISTINA GIANINO (pianoforte)

CRISTIAN PETRICCA – ROBERTA GIDDIO (coreografi e ballerini)

“Tanghi e Milonghe”

Milazzo classica




Grandi applausi al concerto del 29 Ottobre al Santuario di San Francesco di Paola

cordovaSi è svolto all’interno del  suggestivo Santuario di San Francesco di Paola il penultimo concerto di musica classica del Festival “Note d’Autunno 2016” che ha riscontrato nelle varie – Location – quasi mille partecipanti, e una massiccia collaborazione per la riuscita dello stesso. L’evento è stato preceduto da un discorso introduttivo del direttore artistico dell’associazione Teleion di Roccalumera (ME), la flautista milazzese Daria Grillo che ha doverosamente ringraziato quanti si sono prodigati per il buon esito del festival e ha informato tutti i presenti che il concerto era dedicato alla memoria di Pippo Adige e Davide Taranto, scomparsi tragicamente in un incidente con l’elicottero nell’Agosto del 2010. Il Dott. Salvatore Italiano, poi, ha preso la parola al microfono, in qualità di rappresentante dell’amministrazione comunale di Milazzo, e del sacro Ordine militare Costantiniano e dell’Ordine dei Minimi, sottolineando che la manifestazione si amalgamava benissimo con tutta una serie di festeggiamenti ed eventi in onore del Santo “Compatrono” di Milazzo, di cui ricorre quest’anno il sesto anniversario della nascita.

La prima parte del concerto ha visto impegnato il Maestro Francesco Parrino, violinista di chiara fama internazionale; innumerevoli i suoi tour concertistici in Austria, Cile, Cina, Colombia, Croazia, Francia, Germania, Hong Kong, Perù, Regno Unito, Romania, Russia, Slovenia, Svizzera e Turchia. Il Violinista ha eseguito con abile maestria tecnica e musicale l’Etude de concert op.16 n.2 e un Morceau op.55 n.3 di Henry Vieuxtemps, (compositore belga vissuto in pieno ‘800) ; un Capriccio in sol minore di Niccolò Paganini, spiegando a tutti i presenti che il concetto di “Virtuosismo” non si limitava ad una dimostrazione di abilità puramente tecnica ma era strettamente connessa al fascino del suono e ad una suadente cantabilità; infine una composizione di Eugène Ysaye, grande compositore ed interprete del Romanticismo, la sonata op.27 n.2 “Obsession”, che partendo da un’ispirazione bachiana, prosegue poi con la rievocazione del mito di Orfeo. La magistrale esecuzione del maestro Parrino che ha affascinato il pubblico presente è stata effettuata su  un violino G&A Gagliano (1790-1805 circa) prestatogli dalla famiglia del grande direttore d’orchestra Gino Marinuzzi.

La seconda parte del concerto ha visto impregnato in “Duo”, accanto al violinista Parrino, una vera “Eccellenza locale”, il Maestro Maria Grazia Caffarelli, in un programma dedicato interamente al compositore Paganini, violinista, compositore e chitarrista italiano, considerato universalmente uno dei più importanti esponenti della musica romantica. Il “Duo” ha eseguito la sonata op.3 n. 4 per violino e chitarra, la sonata M.S. 112 n.2 in re maggiore e la sonata M.S. 2 in la maggiore. La chitarrista Caffarelli che svolge un’intensa attività concertistica, suonando per numerose associazioni, festival ed eventi, ha manifestato durante l’esecuzione una grande abilità nella ricerca del suono e delle diverse sfumature timbriche che la chitarra può offrire e ha dimostrato di possedere una innata musicalità fuori dal comune; inoltre nel corso della sua carriera ha maturato una approfondita esperienza nel campo della didattica chitarristica, frequentando numerosi corsi presso la S.I.E.M. e il C.E.P. di Assisi e svolgendo in qualità di  docente  vari seminari presso scuole statali.

Grandi applausi e consensi unanimi da parte di tutti i partecipanti.