Brevi riflessioni sul progettato Ecoporto turistico

luigi celebre

Dopo quattordici anni si torna a parlare di un porto turistico nella Marina Garibaldi di Milazzo e più esattamente ,come annunciato dal quotidiano Gazzetta del Sud,dal Molo Marullo a Vaccarella.

Quattordici anni fa il Sindaco dell’epoca, ing. Antonino Nastasi ,dinanzi alle autorevoli prese di posizione contro il porticciolo ha garantito che il progetto non arrivava alla Marina Garibaldi perché si fermava all’altezza della Chiesa di San Giacomo.

Sul periodico “La Città” del 17.9.2004 pubblicai un articolo dal titolo : “ A Trasiri a trasiri “ nel quale,fra l’altro ponevo la seguente domanda:

“”Poiché credo nello sviluppo della nautica da diporto temo che negli anni a venire il progettato porticciolo avrà necessità di allargarsi per cui la nostra Marina rischierà,fra qualche decennio,di essere un po’ alla volta,”a trasiri a trasiri”,rosicchiata dal porticciolo.

Abbiamo noi il diritto di privare i nostri posteri di godere della passeggiata nella Marina o non abbiamo invece il dovere di salvaguardare ed accrescere quanto di buono c’è nella città? “”

Sull’argomento ci furono due importantissime iniziative nella sala rotonda del Diana.

La prima organizzata dalla Lega ambiente del Tirreno nel corso della quale l’architetto Vece illustrò il progetto di un porto turistico Hub ad Acquaviola.

L’altra a cura del MSI svoltasi alla presenza del Gotha parlamentare missino della nostra provincia,nel corso della quale venne presentato ed illustrato altro progetto che prevedeva la creazione del porto turistico Hub sempre ad Acquaviola.

Non mi è mai piaciuto prender posizione preconcetta pro o contro per cui nell’attesa di conoscere nei dettagli il nuovo progetto mi permetto solo di fare qualche domanda.

Prima però mi pare opportuno di ricordare che la nostra città pur essendo la terza della provincia come numero di abitanti dopo Messina e Barcellona P.G. è la prima come densità di abitanti (1276,4 perKmq) in quanto ha un territorio di appena 24,7Kmq, meno della metà della vicina Barcellona,meno di comuni del suo ex Mandamento (Monforte SG, San Pier Niceto,Santa Lucia del Mela) e di tanti altri comuni della provincia.

Il progetto che sarà presentato salvaguardia il vincolo paesaggistico prescritto dall’art.9 della Costituzione e dalla legge Galasso ?

Che fine faranno i locali del Diana ?

Malgrado il loro glorioso passato finiranno come magazzino sussidiario del porticciolo ?

E la passeggiata della Marina Garibaldi subirà riduzioni ?

Perderà il suo fascino di salotto buono della città frequentato anche dagli abitanti dell’hinterland e della vicina Barcellona ?

L’attività secolare dei pescatori di Vaccarella subirà ulteriori riduzioni ?

Attendiamo di avere delle chiare e tranquillanti risposte .

 

 

marinaFoto in evidenza di Pippo Spoto

image_pdfimage_print

Commenti chiusi