Sarah McKenzie quartet al Complesso Monumentale di Milazzo

maneriVenerdì 5 agosto, 2° appuntamento con il jazz al Complesso Monumentale di Milazzo:  Sarah McKenzie quartet

Profondamente diverso dal concerto del Volcan Trio, quello di domani, dalle notizie in mio possesso, dovrebbe muoversi nel solco di un jazz suadente, basato su accattivanti song provenienti dalla tradizione dei compositori classici americani: George Gershwin, Cole Porter, Oscar Hammerstein, Jerome Kern, Rodgers & Hart, Duke Ellington.

Due sono in grandi linee i filoni del canto jazz al femminile: quello più legato al blues (Bessie Smith, Nina Simone, Abbey Lincoln, Cassandra Wilson) e quello che invece ci aspetta venerdì alle 21,45.

img_2759x

Brani provenienti da quello che è stato definito ”The Great American Songbook” (Grande Canzoniere Americano), cioè quegli standard del jazz che poggiano le basi nell’industria musicale di Tin Pan Alley prima e nei musical di Broadway dopo.

Standard con cui tutti i musicisti di jazz hanno fatto i conti, ma che appaiono particolari e intriganti se interpretati da voci femminili: Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan e soprattutto l’irraggiungibile Billie Holiday degli anni cinquanta: Stormy Weather, Lover man, My funny Valentine, I love you Porgy, Summertime, Night and day.

La materia è permeata soprattutto da quell’elemento fondante del jazz che è lo swing.

 

Si dice che l’australiana Sarah McKenzie sia l’erede conclamata di una star come Diana Krall, della quale ho assistito ad un concerto a Taormina anni addietro.

Quanto ho invece ascoltato della McKenzie, descrive una raffinata pianista-vocalist che muovendosi nel solco del tradizionale white jazz presenta forti elementi di originalità che l’hanno portata dall’essere colei che introduceva i concerti di Charles Aznavour, Michael Bublé, John Patitucci o Enrico Rava alla conquista di importanti riconoscimenti.

Attenzione quindi alla particolare timbrica, al groove del suo pianoforte ed all’originalità di un vocal-jazz nel segno dell’eleganza e della gradevolezza.

image_pdfimage_print

Commenti chiusi