Non prendete impegni per domenica 31 luglio !

maneri

Al ”Castello” (come ancora qualcuno chiama il nostro Complesso Monumentale più importante) suona, niente popò di meno ché, il VOLCAN TRIO di Gonzalo Rubalcaba, Armando Gola, Horacio ”El Negro” Hernandez.

E allora perché non prendere altri impegni ?

  1. Perché ascoltare buona musica in quel luogo è un’esperienza magica e la dimensione della musica di qualità, com’è il jazz, è quella giusta per un sito ricco di storia e di bellezza, da valorizzare e rispettare;
  2. Perché il Volcan Trio è il miglior gruppo di JAZZ LATINO IN CIRCOLAZIONE e presenta il suo ultimo album ”Tocororo”;
  3. Perchè saremo coinvolti da un’esplosione di ritmi caraibici da cui traspare la magia della migliore tradizione cubana ritoccata dal pianismo raffinato di Gonzalo Rubalcaba.

Dei tre conosco bene, musicalmente parlando, Rubalcaba ed Hernandez; poco invece so di Armando Gola, del quale ho letto che suona sia il basso elettrico che il contrabbasso ed ha lavorato con un vero e proprio monumento della musica cubana come Arturo Sandoval vincendo due Grammy (l’Oscar della musica).

GRAZIANO RUBALCABA, nato a Cuba nel 1963, è oggi il più innovativo pianista di quella tradizione (Chano Pozo, Mario Bauza Paquito D’Rivera,Joe Lovano,Al Di Meola) che dagli anni 50 fa sintesi con il jazz nordamericano (Dizzy Gillespie,Stan Kenton,etc). Ritmo + raffinatezza.

HORACIO ”EL NEGRO” HERNANDEZ, drummer e percussionista, erede della tradizione popolare della sua isola si caratterizza per abilità tecnica, senso del ritmo e versatilità. Caratteristico il suo approccio ai complessi ritmi di stile afro-cubani grazie all’abile e coordinato uso dei quattro arti.

 

Infine voglio sottolineare che non si tratta del solito gruppo raffazzonato per accompagnare un famoso artista venuto da lontano, ma di un ensemble affiatato con alle spalle una storia in comune iniziata a Cuba nel 1984 che segue un percorso artistico marcatamente jazz, ma contaminato dalle diverse tradizioni musicali latine.

 

image_pdfimage_print

Commenti chiusi