LUTE: Alla riscoperta di Milazzo di una volta con Franz Lo Duca

alessandro di Bella

Venerdì 24 novembre pomeriggio all’insegna dell’amarcord all’ITT “Majorana” con la LUTE e con Francesco (conosciuto come Franz) Lo Duca all’interno del ciclo di incontri “Hottanta memoria”, in cui persone di età superiore agli ottanta anni diventano testimoni viventi della nostra storia locale.

lo duca

Il pomeriggio si è svolto, successivamente, con l’ascolto di brani, letti da componenti dell’Ass. Castello di Carta, tratti da articoli scritti negli anni ’90 da Franz Lo Duca su varie testate milazzesi, da “La Voce di Milazzo” a “MilazzoNostra” per arrivare a “La Città di Milazzo” nella sua originaria versione cartacea.

Il tutto inframezzato da immagini di Milazzo di una volta e di musiche d’epoca montate dal Dott. Gianni De Luca. Il pubblico, in presenza dello stesso Autore, ha potuto immergersi in atmosfere un po’ retrò della Milazzo dagli anni ’30 agli anni ’50: dal mare di Acqueviole prima dell’arrivo dell’industrializzazione al Porto negli anni ’30, da Piazza del Carmine a Via Umberto I ancora non asfaltate, dalla Marina Garibaldi fino a Vaccarella.

20171124_170705 Sono stati letti da Castello di Carta anche brani di Lo Duca su personaggi caratteristici quali il postino, il farmacista o il lustrascarpe, su ambienti quali le pasticcerie degli anni ’30, il salone del barbiere o la vecchia stazione, per concludere con la processione di S. Francesco. Il tutto tra ricordi un po’ nostalgici per i più anziani e curiosità di conoscere meglio la nostra città del secolo scorso per i più giovani.

20171124_173148 20171124_180515

image_pdfimage_print

Commenti chiusi