Istallazione di “Case dell’Acqua” sul territorio comunale. Mozione del consigliere Antonio Foti

Oggetto: Mozione per l’istallazione di “Case dell’Acqua” sul territorio comunale 

Premesso che

Il tema dell’acqua pubblica appartiene da sempre al campo della sinistra e dei movimenti referendari contro la volontà neoliberista di voler privatizzare un bene primario e comune;

 l’acqua rappresenta una ricchezza che va tutelata e valorizzata;

 l’Italia occupa i primi posti tra i paesi consumatori di acqua in bottiglia e questo dovrebbe portarci a capire come l’idea di istituire le “Case dell’acque” abbia più che un beneficio per i cittadini; 

Considerato che

in molti Comuni italiani sono state attivate le c.d. Case dell’acqua ovvero strutture ove i cittadini possono accedere liberamente per rifornirsi di acqua refrigerata e microfiltrata sia naturale che gassata ad un prezzo simbolico o estremamente contenuto, con evidenti ricadute sull’ambiente e sulle spese dei cittadini;

l’iniziativa è di interesse collettivo e ha l’intento di potenziare e valorizzare l’utilizzo dell’acqua potabile di rete, in modo da ridurre il consumo dell’acqua minerale in bottiglie di plastica e di conseguenza gli impatti ambientali legati al quantitativo di rifiuti di imballaggi in plastica da smaltire, al loro trasporto e alla movimentazione degli stessi;

verrà drasticamente ridotto lo spreco di bottiglie di plastica, di conseguenza ridotta la massa di rifiuti e di CO2 in atmosfera. Le c.d. bottiglie costituiscono una delle principali componenti del rifiuto solido urbano con tutto ciò che ne consegue (consumo di combustibile fossile per la produzione, smaltimento, inquinamento ambientale). Oltre naturalmente al risparmio sull’approvvigionamento quotidiano si evidenzia anche un nuovo punto di incontro tra i cittadini sviluppando una socialità positiva;

i minori rifiuti potranno consentire, nel lungo periodo, anche un risparmio per ciò che concerne la TARI, che peraltro com’è noto a subito un notevole aumento negli ultimi anni;

questa progettualità potrebbe avere vantaggi per l’amministrazione quali per esempio un risparmio dei costi di smaltimento dei rifiuti con particolare riferimento ai contenitori di plastica insieme ad una campagna di sensibilizzazione promuovendo una cultura ambientale che coinvolga la cittadinanza facendola sentire partecipe e utili ad un maggiore rispetto per le risorse naturali e per l’ambiente;

Viste

le esperienze in molti comuni italiani con vantaggi per il cittadino primo fra tutti il consumo di acqua refrigerata, sia liscia che gassata ad un prezzo che è di gran lunga inferiore al prezzo medio dell’acqua imbottigliata e che si trova sostanzialmente vicino casa oltre alla comodità di trovare gli impianti aperti a tutte le ore del giorno perché possono funzionare 24 ore su 24 per tutti i giorni della settimana (prelievo a distanza zero);

Vista

la determinazione n 220 del 06.08.2014

Tutto ciò premesso, visto e considerato

Il sottoscritto Consigliere comunale impegna il Sindaco e la Giunta comunale ad avviare il procedimento insieme ai vari passaggi amministrativi per la realizzazione delle “Case dell’acqua” suggerendo due postazione una nel centro cittadino ed un’altra nei quartieri della periferia.

Milazzo, 06/10/2017                                                                         Antonio Foti

                                                                                           Consigliere comunale di Milazzo


image_pdfimage_print

Commenti chiusi