Il frantoio di Capo Milazzo. Un piccolo gioiello sconosciuto aperto alle visite il 12 giugno

Iniziativa per la valorizzazione dei beni culturali nel comunicato stampa della Società Milazzese di Storia Patria

Un suggestivo frantoio costruito sul finire del Settecento tra i panoramici uliveti di Capo Milazzo. Una straordinaria testimonianza del nostro passato che proietta magicamente indietro nel tempo chi ne attraversa il portale d’ingresso. Un bene culturale sconosciuto ai più, che dalla sera di martedì 12 giugno, in occasione del tradizionale pellegrinaggio al Santuario di S. Antonio da Padova, sarà possibile visitare gratuitamente grazie all’impegno dei volontari della Società Milazzese di Storia Patria ed alla collaborazione di Amendolia Assicurazioni. «In verità il merito va alla famiglia Parisi-Castellano, proprietaria dell’antico trappeto, che da ormai un decennio si prende amorevolmente cura di questo antico ed affascinante fabbricato rurale collocato in contrada Croce, nel cuore del Promontorio», spiegano i volontari del sodalizio, che hanno già predisposto una dozzina di aperture al pubblico distribuite tra l’estate 2018 e la primavera 2019 per consentire a visitatori e scolaresche la fruizione di quella che la stessa Società Milazzese di Storia Patria definisce una sezione staccata del Museo Etnoantropologico allestito nell’ex Carcere Femminile di via Impallomeni.

La famiglia Parisi-Castellano

«Da parte nostra – continuano i volontari di Storia Patria – solo un puntuale contributo storico e descrittivo, con eleganti pannelli informativi generosamente offerti dall’arch. Giusi Marullo, titolare dell’azienda agricola “Barone Ryolo” presso l’antico frantoio (oggi agriturismo) di contrada Fontanelle. Ed ancora la predisposizione di una serie di accorgimenti rivolti a rendere più sicura la visita del frantoio ed il servizio di accoglienza ai visitatori, che avranno l’opportunità di scoprire ed ammirare un tesoro nascosto della nostra Milazzo. Il resto è tutto merito della signora Donatella Parisi e del marito Felice Castellano, che assieme ai figli Carmelo e Francesco hanno preservato e tutelato con non pochi sforzi e sacrifici la macina ed il possente torchio ligneo, arricchendo giorno dopo giorno l’esposizione con una serie di reperti contadini provenienti proprio da Capo Milazzo, alcuni di notevole valore etnoantropologico. Come l’ormai introvabile “zappùni ‘nvirmiddàtu”, arnese bicorne impiegato negli ultimi secoli dai contadini del Promontorio per smuovere i terreni più aridi e pietrosi. Ed infine, sorpresa nella sorpresa, una preziosa collezione di arnesi da carradore, appartenuti ai maestri Castellano ed impiegati nella prima metà del Novecento tra Milazzo e Barcellona per la costruzione dei carretti».

Il torchio

Subito dopo l’inaugurazione del 12 giugno, previsti due appuntamenti estivi in notturna per consentire le visite anche ai turisti: sabato 23 giugno e venerdì 27 luglio. Le date di apertura potrebbero subire variazioni in caso di avverse condizioni meteorologiche. Il frantoio è sito in piazza Croce al civico 9.

 

image_pdfimage_print

Commenti chiusi