Borghi più belli d’Italia: Interrogazione del consigliere Antonio Foti

All’assessore al turismo Piera Trimboli

Premesso

Che il Comune di Milazzo non può essere inserito per carenza di requisiti tra i Borghi più belli d’Italia come previsto dall’art. 2 della Carta di qualità (criteri di ammissione) che recita testualmente al comma 2.1.1: “per essere ammesso nel Club de “I borghi più belli d’Italia” e utilizzare il marchio di cui questo è proprietario, ogni Comune deve soddisfare i seguenti criteri:

  • avere una popolazione che nel Borgo antico del Comune o nella Frazione indicata non superi i duemila abitanti. Questo primo criterio è eliminatorio. Nel Comune non si possono superare i 15.000 abitanti (+ 10% su valutazione del Comitato Scientifico)”;

vista

la deliberazione della Giunta Municipale n.40 del 11.3.2016 avente ad oggetto: “I borghi più Belli d’Italia”. Candidatura di Milazzo all’Associazione Nazionale “I Borghi più belli d’Italia” quale “Borgo Ospite”;

Visti

i numerosi articoli di stampa e le dichiarazione della S.V. E del Sindaco in merito all’assegnazione al Comune di Milazzo di una somma di 100.000 euro, stanziati nell’ultima finanziaria regionale a favore dei comuni che hanno conseguito il riconoscimento di “Borgo più bello d’Italia”;

l’articolo 15, comma 10, della legge regionale 8.5.2018, n.8 (Legge di stabilità regionale), nel quale viene riportato testualmente:

“In sede di riparto del fondo autonomie locali di cui all’articolo 6 della legge regionale n. 5/2014 e successive modifiche ed integrazioni, ai comuni che hanno conseguito il riconoscimento di “Borgo più bello d’Italia” è destinata la somma di 700.000 euro da ripartirsi in proporzione alla densità demografica ed al numero di comuni ed ai comuni che si sono aggiudicati nell’ultimo quinquennio il titolo di “borgo dei borghi” è riservata la somma di 300.000 euro da ripartirsi equamente.

Il tetto massimo della somma concessa ad ogni comune non può essere superiore a 100.000 euro per entrambi i riconoscimenti e deve essere destinata all’attivazione o potenziamento di interventi e servizi di accoglienza e promozione territoriale e turistica;

Considerato che

la Città di Milazzo è stata riconosciuta “Borgo ospite” dal club “Borghi più belli d’Italia” per il biennio 2016-2017;

sul sito http://borghipiubelliditalia.it/sicilia/ i borghi di Sicilia riconosciuti dal club sono 19 e tra questi non rientra la città di Milazzo;

la pagina http://borghipiubelliditalia.it/project/milazzo/ dedicata originariamente alla città di Milazzo è stata oscurata;

Tutto ciò premesso e considerato, si interroga la SV sui seguenti punti:

  1. Se il finanziamento annunciato sia previsto per un comune “ospite onorario” del club “i borghi più belli d’Italia”, visto che nella finanziaria regionale non si fa alcuna menzione relativamente alla suddetta categoria;
  2. Se, nel caso in cui il Comune dovesse rientrare, il finanziamento ammonterebbe effettivamente a 100.000 euro considerato che in Sicilia hanno il riconoscimento di “Borgo più bello d’Italia” 19 comuni (tra i quali la città di Milazzo non è compresa) e il fondo di 700.000 euro andrebbe ripartito tra tutti questi;
  3. sulla scorta di quali atti e informazioni ufficiali, la SV ha potuto dare l’annuncio di questo finanziamento ottenuto dal nostro Comune;
  4. Se è legittimo continuare ad utilizzare, sul sito istituzione dell’Ente, il logo de “I borghi più belli d’Italia”, pur non essendo più, il Comune di Milazzo, membro in qualità di “Ospite Onorario”.

Antonio Foti

image_pdfimage_print

Commenti chiusi